Crea sito
B2C, BOOKS TO COSMOPOLITANS / Il blog di Umberto Martino

B2C, Charles Samuel Addams: vita e opere

Charles Samuel Addams nacque il 7 gennaio 1912 a Westfield nel New Jersey. I genitori, Grace e Charles Huy Addams, erano parenti alla lontana del presidente degli Stati Uniti John Adams. Già da bambino si fa conoscere per il suo senso dell’umorismo diverso da tutti gli altri e per essere “una specie di monello del vicinato (“something of a rascal around the neighborhood”); inoltre, il suo hobby preferito era quello di costruire ghigliottine e bare giocattolo. Ma, negli anni a venire, verrà definito come “un uomo cortese e ben vestito, con i capelli argentei pettinati all’indietro e dai modi gentili, senza alcuna somiglianza a un demonio”. Ancora bambino, i genitori, per placare il suo temperamento, lo avvicinarono al disegno. Così deciderà di frequentare, dal 1931 al 1932, la Grand Central School of Art di New York City che non terminerà a causa della morte del padre, avvenuta nel 1933. Ed è proprio nel periodo in cui era studente presso questa scuola che decise di inviare alcuni suoi disegni al New Yorker, dimenticando però di scrivere il suo indirizzo. Per questa motivazione, solo in seguito e casualmente scoprì che i suoi disegni erano stati accettati. Però, nello stesso periodo, la perdita del genitore lo spinse a lavorare per la rivista True Detective, dove aveva anche il compito di ritoccare le foto dei cadaveri che apparivano nella rivista. La Famiglia Addams (The Addams Family) venne introdotta sulla rivista New Yorker nel 1938 e, anno dopo anno, verranno da lui aggiunti i vari personaggi che però rimarranno senza nome fino all’uscita del primo telefilm, lavoro da lui stesso seguito, negli anni sessanta. Si sposerà tre volte e la prima moglie vantava una particolare somiglianza a Morticia; parteciperà alla Seconda Guerra Mondiale arruolato nel Signal Corps Photographic Center, dove filmerà riprese per la U.S. Army. La prima serie televisiva andò in onda dal 1964 al 1966 sul canale ABC e, successivamente, furono prodotte nuove serie ispirate all’omonimo fumetto.

Addams sembra prendere spunto dallo scrittore Edgar Allan Poe, ma interpreta il tetro in chiave goliardica, una sorta di umorismo nero, non mancando di incisività. Egli è stato un ottimo interprete della middle-class americana dell’epoca che celava dietro l’apparenza di perbenismo le sue ombre: effettivamente un lato nascosto un po’ in tutte le persone. Sembra riprendere la teoria degli opposti i quali non si respingono tra loro, bensì necessitano di entrambi per trovare il giusto equilibrio. Così la morte, oltre alla diversità, fa parte della realtà, e non va allontanata, ma accettata per dare maggior valore alla vita stessa. E proprio attraverso la commemorazione si rende onore ai defunti, riportandoli alla memoria sia sotto l’aspetto affettivo sia sotto quello storico, come a renderli immortali nel nostro pensiero.

(FM, ’17)

A Christmas tree in the Addams Family

charles-addams_3-551x1024

Per maggiori informazioni:

B2C, fumetti (comics), manga e cartoons -1- “La Famiglia Addams” di Charles Addams

Bibliografia

http://www.massacritica.eu/le-vignette-di-charles-addams/12441/

https://en.wikipedia.org/wiki/Charles_Addams

http://www.addamsfamily.com/cartoon.html

https://it.wikipedia.org/wiki/Charles_Addams

http://www.pontilenews.it/2039/CULTURA/auguri-charles-addams-leccentrico-disegnatore-che-ha-creato-la-famiglia-addams.html

https://www.youtube.com/watch?v=JpUV0zKpFQ0          (VIDEO YOUTUBE -ENG-)