Crea sito
B2C, BOOKS TO COSMOPOLITANS / Il blog di Umberto Martino

B2C, documentari – “Il marketing della pazzia”, Citizens Commission on Human Rights

L’opera è composta da una introduzione e tredici capitoli con altrettanti documentari. L’importanza fondamentale di ognuno di essi è ben illustrata dal loro riassunto allegato all’interno del sito (http://www.ccdu.it/videos/marketing-of-madness/introduction.html) e, per questa motivazione, mi esimo dallo scrivere commenti personali in merito  ad una disciplina che non si basa su teorie scientifiche dimostrabili, ma su teoremi degni dei peggior giullari di corte. Nel corso degli anni passati sono state moltissime le vittime morte a causa di questi trattamenti; vittime che, molto probabilmente, non sottoponendosi a nessuna cura e frequentando persone positive avrebbero risolto facilmente dei problemi inesistenti. Di seguito riporto le testuali parole contenute nel secondo capitolo. Inoltre ricordo che sia il sito che le fonti sono attendibilissime.

(FM, ’18)

“Gli psichiatri dichiarano di avere una storia di grandi progressi nel campo degli psicofarmaci. Ma sarebbe questa truffa di sostanze chimiche per il cervello il “progresso scientifico” che affermano?

I primi sforzi di Sigmund Freud per pubblicizzare i farmaci aiutarono a diffondere l’uso di cocaina in Europa.

Gli psichiatri in seguito si sono indirizzati alle anfetamine fino a quando si è scoperto che questi farmaci erano non solo inefficaci, ma anche altamente tossici e assuefacenti.

Anni dopo, è stato annunciato al mondo che gli antidepressivi potevano far si che le persone scegliessero “uno stile di vita in base ai farmaci” cioè una società che “scelga” le emozioni da provare grazie all’assunzione di una pillola. Nonostante tutto questo, dieci anni di agghiaccianti rapporti, sugli effetti collaterali degli antidepressivi, non possono essere ignorati. Per esempio i casi di improvvisa violenza ed i suicidi che sono causati dagli effetti collaterali del Prozac con una stima di 3,9 milioni di vittime.

Oggi la stessa storia continua, con allarmanti notizie di cronaca riguardo ai trattamenti chimici promossi come “farmaci miracolosi”.

Ma restano due domande: dov’è la scienza che sostiene la psichiatria?

E per quanto tempo la gente continuerà a credere a false speranze che sono vere e proprie menzogne?” (Tratto da: http://www.ccdu.it/videos/marketing-of-madness/psychotropic-drugs.html)

PRIMO VIDEO INTRODITTIVO:

MARKETING DELLA PAZZIA: MA SIAMO TUTTI MATTI?

N.B.: gli altri capitoli si trovano sul medesimo sito.